sabato 10 dicembre 2016

Fare, o non fare... non c'è provare!



di Francesca Sicali


"Viviamo in un mondo frenetico, dove molto spesso la malattia e la morte vengono visti come mali da distruggere, dimenticandoci che fanno parte della nostra vita.
Siamo fatti di azioni e spesso "il non fare", o semplicemente "l'accompagnare", viene percepito come una non azione.
A volte, ci accaniamo troppo, senza pensare cosa veramente voglia il malato, semplicemente perché non vogliamo accettare quello che è la fine e ancor prima quello che è il decorso di una malattia.
In pratica, ab
biamo paura.
Forse non abbiamo paura della morte in sé, ma semplicemente dell'assenza e talvolta cerchiamo di ritardare tutto egoisticamente, per poter dire: "io ho fatto", oppure: "almeno ci ho provato".
Personalmente, ho scelto di fare quando c'è qualcosa da fare, ma vivo il "non fare" come un'azione tanto quanto il fare.
Quando ho davanti un animale stanco, ammalato, o con blande probabilità di superare interventi, quando ho davanti delle recidive post intervento, io scelgo l'azione del "non fare".
Ciò non vuol dire non fare nulla.
Semplicemente, lo accompagno verso la direzione che sceglierà di prendere la sua malattia.
Si cureranno i sintomi, senza andare alla radice di tutto per dare un nome a quella cosa che lo affligge.
Cerco di supportarlo in ogni suo bisogno e cerco di essere sempre presente.
Talvolta, una giornata sul divano passata insieme, una carezza, un cibo prelibato, serve molto di più di mille indagini, o di farmaci che servono semplicemente a dover rallentare quello che è più naturale nel mondo... ovvero la morte.
Noi nasciamo, cresciamo, ci ammaliamo e ce ne andiamo e questi sono processi naturali della nostra vita.
Io, tra il penultimo e l'ultimo di questi processi, ho deciso di dedicare tutto quello che di buono posso offrire.
Quindi, il mio "non fare", in alcuni casi, lo vivo come una delle più belle azioni che posso offrire a chi mi sta vicino.
"


Grazie, Francesca 


Casa Francesca di Progetto Quasi


Incontrata a Torino Spiritualità, insieme a Fabiana Rosa. Lo vedi subito che è una di quelle persone con la 'Forza' dentro, che le percorre tutte e le rende resilienti.
Di queste sue parole, mi ha colpito molto la lucidità e la chiarezza con cui parla di una cosa che, a viverla, rischia di essere attorcigliata sul dolore, che offusca la chiarezza, la serenità del pensiero.
Il  ricordo  della mia Stella morta male mi è subito balzato al cuore: Lei - STELLA -  è un qualcosa di cruccio vulnerabile che mi accompagnerà sempre, fino a quando anche a me toccherà di morire. Anche per questo, oltre che per le riflessioni che ho in passato provato a fare e che continuerò a fare su questo tema, sono felice e grato che Francesca abbia accettato di mettere come post del mio blog, questa sua riflessione così limpida e chiara.

5 commenti:

  1. Caro Giovanni,
    capisco quello che dici e il cruccio che ti porti dietro. Ce l'ho anche io nei confronti di Emily, gattina ammalatasi di Fip che ho voluto far ricoverare l'ultima notta in clinica nel tentativo di vedere se si riprendesse (ma lo sapevo che non c'era più nulla da fare, la Fip non perdona) e che poi è morta lì, da sola, senza noi accanto. Avremmo dovuto farla restare a casa. Se ne sarebbe andata nel comfort delle sue abitudini, in mezzo a odori e carezze conosciute. Ma d'altro canto so che se fosse stato così mi sarei sentita in colpa per non aver tentato un ricovero. Insomma, quello che voglio dirti è che i crucci ci sono e ci saranno sempre, qualsiasi cosa noi si decida di fare per loro. Penso che a un certo punto dovremmo farcene una ragione e dirci che, seppure nel caso in cui avessimo sbagliato, lo avremmo pur sempre fatto con amore, o per eccesso di amore, ma mai per menefreghismo.
    Mi piace comunque la filosofia di Francesca, quando sono troppo anziani è meglio non fare un accanimento terapeutico, ma curare solo i sintomi per alleviargli le pene.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rita, ti ringrazio per le tue parole pazienti di conforto rinnovato. I tuoi pensieri con Emiy sono stati esattamente i miei con Stella. E' stato un po' tutto l'insieme - la freddezza dei veterinari della clinica, la confusione sulle terapie, tra le altre cose - a rendere ancor peggiore il dolore per la sua morte. La penso spesso, per non dire sempre, ma devo dire che con gli anni i ricordi belli han preso il posto del dolore. C'è, ogni tanto, un rimpianto per gli anni che non ha vissuto e per non averla vista invecchiare.
      Sì, abbiamo agito sempre per amore, amore verso di loro (perché c'è anche l'amore egoistico); e anche se avrei voluto avere una forza e una lucidità differenti, ogni situazione è unica e non possiamo mai sapere come sqapremo comportarci quando sarà il momento di affrontarla.

      La filosofia di Francesca mi sembra molto zen, quasi, sembra essere quella che spreca meno risorse - emotive, specialmente - proprio nel momento in cui queste risorse sono ancor più preziose.
      Leggendo le sue parole, mi è venuto in mente un libro:
      "Amici fino in fondo", di Stefano Cattinelli (2006/2007, Editrice AAM Terra Nuova, p.124, euro 9)

      Elimina
  2. Bubu è arrivato un anno fa, trovato sotto casa con un buco nella parte opposta, gli occhi chiusi... ricoverato è uscito 10 giorni dopo, con la ferita chiusa e gli occhi aperti, ma con il terribile responso: carcinoma squamocellulare! Per caso su fb ho saputo della possibilità di chemio in loco con elettroago, cosi' abbiamo fatto due sedute, sembrava andasse meglio.... Bubu è un micio difficile da trattare, non si fa avvicinare, è schivo..... Ora è tornata la lesione..... lui gioca, mangia, interagisce con gli altri 4 mici, ma resta pur sempre schivo, ma io penso che se non lo avessi curato a quest'ora sarebbe già volato via, mentre un giorno in più di Vita è sempre un regalo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carletta, benvenuta. La penso come te, su queste cose. Dal momento in cui troviamo il coraggio, che ci viene dall'empatia e dall'attenzione verso chi ha bisogno di soccorso, regaliamo vita degna a chi abbiamo aiutato. Questo è verissimo nei confronti degli altri animali. Finché, ovvio, quella vita realata, rimane degna e felice. :)

      Elimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!
dai, i post coi commenti hanno un non so che in più... specialmente se non sono commenti-complimenti e basta :)

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui