giovedì 8 gennaio 2015

La nostra specie

Annamaria Manzoni in un fotogramma del film di Lamberto Carrozzi


Mentre rivedevo questo film, ho ripensato a una fulminante pellicola italiana: "I mostri" (1963).
Mi è sbocciata alla consapevolezza mentre riascoltavo le interviste che il regista ha fatto ai passanti per strada, su argomenti come "l'amore per gli animali", "i vegetariani", "la vivisezione", l'"alimentazione corretta"; o quando fa parlare alcuni cacciatori che ci raccontano come siano loro i veri "amanti e difensori della natura" (!); e che, occasionalmente, vanno pure a pesca. Sono tutte nel film.
Ho pensato alle loro frasi, alle argomentazioni, ma soprattutto ai comportamenti di negazione, di deviazione e ridicolizzazione dei problemi, delle domande che li mettono di fronte a una realtà troppo insopportabile quando la si viene a scoprire, troppo ineludibile, che si preferisce - nonostante tutto - continuare a negare, sfuggendola e fuggendo. Pensavo alle loro reazioni di noia quando non trovano più argomentazioni di fronte alla nudità del re-umano che gli viene esibita dall'intervistatore-complice (del regista). Nell'accostamento estemporaneo di quel film a questo film (molto diversi tra loro), vien fatto di pensare: gli italiani non sono cambiati in cinquant'anni, ma forse non sono solo gli italiani, bensì gli individui che nascono sotto forma di umani; loro (noi) sono (siamo) gli artefici di un dominio totale nei confronti degli altri animali, e non solo (anche di altri individui umani che decidiamo di animalizzare, con ciò intendendo denigrarli).  Perché, il nocciolo della questione, ha a che fare con una certa essenza, un 'proprio' dell'umano, troppo umano, che è fondamentalmente legato a profonde e scure facce psichiche e psicologiche.





Questo film di Lamberto Carrozzi è il resoconto degli studi e delle ricerche condotte da Annamaria Manzoni, psicologa e autrice del libro "Noi abbiamo un sogno", scritto in difesa dei diritti di ogni specie vivente. Il resoconto della scrittrice è anche l'amara disamina di un modello di sviluppo "antropocentrico" che degrada, tormenta, smembra, uccide, la vita, gli individui vivi, a milioni, a miliardi, rendendo questo pianeta un autentico luogo di condizione infernale.





Annamaria Manzoni ha una lunga esperienza nell'ambito della tutela minorile, maltrattamenti, abusi.
Ha scritto molti libri sul rapporto che lega umani e altri animali. Di uno di questi libri, abbiamo chiacchierato sul blog.
Il suo racconto si svolge con un linguaggio piano e con un tono addirittura dolce, ma è implacabile, scova la radice psicologica e antropologica del sadismo, per non lasciarla più scappare, perché non la si possa più - dopo - ignorare.

La banalità del male è tra noi, regola l'intero nostro dominio unilaterale contro gli altri animali, dei quali non pensiamo più che siano individui vivi, ma oggetti, strumenti, prodotti, scarti, eccetera.

Il male-banale  può diventare freddo, burocratico, può essere insensibile alle grida di disperazione, agli sguardi di angoscia, al sangue, alla morte degli animali bloccati e torturati nei laboratori di vivisezione o massacrati nei macelli e negli allevamenti intensivi.





La crudeltà è umanissima, eppure non la riconosciamo come nostra, non la vogliamo vedere, non le diamo accoglienza nella nostra umanità. Anzi, la mascheriamo, la incorniciamo all'interno della  convinzione antropocentrica che abbiamo costruito per noi stessi da molte migliaia di anni, fin dall'origine delle nostre civiltà, che si costruiscono su questa crudeltà, ne sono plasmate, intrise, intrecciate.



Se certe realtà non le sopportiamo, se ci risulta intollerabile la loro vista, allora dovremmo decidere di fare tutto quello che è nella nostra possibilità fare, perché non accadano più.

Il film perciò, si conclude con un discorso molto toccante, che si richiama al 'sogno' di Martin Luther King.

In questo 'nostro' sogno, la violenza contro gli animali viene punita, anziché regolamentata dalle leggi; la crudeltà verso gli animali viene considerata abbietta, anziché normale.

"Perché senza la fine della violenza sugli animali, nessun progresso sarà mai tale,né la vittoria sul dittatore avrà valore se il nuovo vincitore ancora festeggerà con tavole imbandite con le solite vittime…"
-->


4 commenti:

  1. Bravo Giovanni. Hai reincorniciato il discorso e gli hai dato altra linfa. grazie! Annamaria

    RispondiElimina
  2. Grazie Annamaria, è percgé Il tuo discorso è così nitido e potente. Buona giornata! G

    RispondiElimina
  3. In questi giorni si sta parlando molto di morte, di conflitto e la nostra è una cultura del conflitto, lentamente l'abbiamo costruita su questo modello e pare che in molti ne vadano fieri. Ho letto la tua intervista alla Manzoni e ora mi guarderò il fim-documento. Mi è piaciuto il tuo rimando agli episodi dei "I mostri". Dobbiamo sempre tradire la nostra c.d. umanità. Il pensiero, il giudizio, l'etica che dovrebbero accrescere il nostro "stare", hanno fatto di noi degli spietati.

    RispondiElimina
  4. In questi giorni, sto finendo di leggere una specie di librino che racconta in modo divulgativo il pensiero di Adorno, al quale non è possibile non andare col pensiero, quando si è di fronte a eventi come quelli di questi giorni.
    Temo che di odio non si parli solo in questa circostanza: ormai, l'odio - sotto forma di competitività estremizzata e di avidità consumistica indotta, è l'argomento sottofondo di tante, troppe, tutte le 'narrazioni' che ascoltiamo e che a volte noi stessi contribuiamo a diffondere. Col corollario della paura, sotto il cui ombrello trovanmo /hanno trovato /troveranno legittimiazione, spiegazione e giustificazione, le più incredibili e crudeli delle azioni.
    La civiltà che abbiamo costruito che ci sta fagocitando come una malattia autoimmune, però, non è l'unico percorso possibile, né inevitabile. Molti bivi ci sono stati in passato, molti ce ne sono ora e per fortuna continueranno a essercene. Sta a noi, trovare le risorse mentali etiche per cambiare il sentiero che ci vogliono far credere già tracciato.
    Così è anche nei confronti degli altri animali. La violenza immensa che viene agita contro di loro, ha alla base la paura - una paura sfaccettata e complessa che - davvero, come dici tu - ci ha reso degli spietati.

    Buona visione col docufilm, credo che lo troverai molto avvincente. Spero che poi tornerai a scriverne le tue impressioni.

    RispondiElimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui