sabato 20 gennaio 2018

Quadro con vivisezione

Une démonstration physiologique avec la vivisection d'un chien, 1832

Il quadro di Émile-Édouard Mouchy ti è penetrato negli occhi come una lama psichica. Grazie a Francesca, che lo ha proposto su FB, insieme avete cercato chi ne fosse l'autore e quando lo avesse dipinto. Ci siete riusciti grazie alla firma apposta in baso a destra. Ché, altrimenti, su internet non si trovano notizie con metodi meno adatti agli investigatori dell'arte.


Sono impressionanti i visi dei dieci studenti - specialmente i due 'secchioni', uno dei quali tiene salda in mano la corda che lega al collo il disgraziato cagnetto meticcio e randagio. I loro sguardi scrutano fin nel profondo, sono altrettanti bisturi, che scavano e scovano nelle viscere della vittima - forse non sono molto diversi dagli occhi degli aruspici antichi, che evisceravano animali per discernere non la fisiologia, ma il futuro. anche le labbra, piccole, tirate, tese, concentrate, oppure socchiuse in sussurri di commenti, di ripasso degli appunti, delle lezioni, magari di sorpresa e interesse. Ma, di sicuro, mai di commozione o pietà. Del resto, è solo un misero cane di nessuno. Il suo dolore non è dolore, ma ingranaggi inceppati; assai probabilmente, sono cartesiani convinti (ancora, Grazie, Francesca).
In più, ci sono le mani del docente, che si immergono ne corpo vulnerabile e vulnerato; e l'appoggio dell'assistente in giacca blu, col ruolo del sostenitore, di colui che conferma, che approva e avalla questo strazio, questo scempio di corpo vivo.

La postura del cane, legata e costretta, ricorda tantissimo la stessa contenzione subita da Febo, il cane di  Curzio Malaparte (1898 – 1957), che ne parla nel suo libro, famoso, disperato, lucido e disturbante: La Pelle, del 1949. Scena: la Napoli disfatta del dopoguerra anti nazista. E anche per questo collegamento - sublime e terrificante - ringrazi Francesca.

Curzio Malaparte, La Pelle, 1949
«Un giorno Febo uscì e non tornò più. Lo aspettai fino a sera e, scesa la notte, corsi per le strade, chiamandolo per nome. Tornai a casa a notte alta, mi buttai sul letto, col viso verso la porta socchiusa. Ogni tanto mi affacciavo alla finestra e lo chiamavo a lungo, gridando.
All’alba corsi nuovamente per le strade deserte, fra le mute facciate delle case che, sotto il cielo livido, parevano di carta sporca. Non appena si fece giorno corsi alla prigione municipale dei cani. Entrai in una stanza grigia, dove, chiusi in fetide gabbie, gemevano i cani dalla gola ancora segnata dalla stretta del laccio del chiappino. Il guardiano mi disse che forse il mio cane era rimasto sotto una macchina o era stato rubato, o buttato a fiume da qualche banda di giovinastri. Mi consigliò di fare il giro dei canai: chi sa che Febo non si trovasse nella bottega di qualche canaio?
Tutta la mattina corsi di canaio in canaio e finalmente un tosacani, in una botteguccia di Piazza dei Cavalieri, mi domandò se ero stato alla Clinica Veterinaria dell’Università, alla quale i ladri di cani vendono, per pochi soldi, gli animali destinati alle esperienze cliniche.
Corsi all’Università, ma era gia passato mezzogiorno e la Clinica Veterinaria era chiusa. Tornai a casa. Mi sentivo nel cavo degli occhi un ché di freddo, di liscio, mi pareva di avere gli occhi di vetro.
Nel pomeriggio tornai all’Università, entrai nella Clinica Veterinaria. Il cuore mi batteva, non potevo quasi camminare, tanto ero debole e oppresso dall’ansia. Chiesi del medico di guardia, gli dissi il mio nome. Il medico, un giovane biondo, miope, dal sorriso stanco, mi accolse cortesemente e mi fissò a lungo prima di rispondermi che avrebbe fatto tutto il possibile per aiutarmi.
Aprì una porta, entrammo in una grande stanza nitida, lucida, dal pavimento di linoleum azzurro. Lungo le pareti erano allineate, l’una a fianco dell’altra, come letti di una clinica per bambini, strane culle in forma di violoncello: in ognuna di quelle culle era disteso sul dorso un cane dal ventre aperto, o dal cranio spaccato, o dal petto spalancato. Sottili fili d’acciaio avvolti intorno a quella stessa sorta di viti di legno che negli strumenti musicali servono a tender le corde, tenevano aperte le labbra di quelle orrende ferite: si vedeva il cuore nudo pulsare, i polmoni dalle venature dei bronchi simili a rami d’albero, gonfiarsi proprio come fa la chioma di un albero nel respiro del vento; il rosso, lucido fegato contrarsi adagio adagio; lievi fremiti correre sulla polpa bianca e rosea del cervello come in uno specchio appannato: il groviglio degli intestini districarsi pigro come un nodo di serpi all’uscir dal letargo. E non un gemito usciva dalle bocche socchiuse dei cani crocifissi.
Al nostro entrare tutti i cani avevano rivolto gli occhi verso di noi, fissandoci con uno sguardo implorante e, al tempo stesso, pieno di un atroce sospetto: seguivano con gli occhi ogni nostro gesto, ci spiavano le labbra tremando. Immobile in mezzo alla stanza mi sentivo un sangue gelido salire su per le membra: a poco a poco diventavo di pietra. Non potevo schiuder le labbra, non potevo muovere un passo.
Il medico mi appoggiò la mano sul braccio, mi disse: “coraggio”. Quella parola mi sciolse il gelo delle ossa; lentamente mi mossi, mi curvai sulla prima culla, e di mano in mano che progredivo di culla in culla il sangue mi tornava al viso, il cuore si riapriva alla speranza.
A un tratto vidi Febo … Era disteso sul dorso, il ventre aperto, una sonda immersa nel fegato. Mi guardò fisso e gli occhi aveva pieni di lacrime: aveva nello sguardo una meravigliosa dolcezza. Non mandava un gemito, respirava livemente, con la bocca socchiusa, scosso da un tremito orribile. Mi guardava fisso e un dolore atroce mi scavava il petto. “Febo”, dissi a bassa voce. E Febo mi guardava con una meravigliosa dolcezza negli occhi. Io vidi Cristo in lui, vidi Cristo in lui, crocifisso, vidi Cristo che mi guardava con gli occhi pieni di una meravigliosa dolcezza. “Febo”, dissi a bassa voce, curvandomi su di lui e accarezzandogli la fronte. Febo mi baciò la mano e non emise un gemito.
Il medico mi si avvicinò, mi toccò il braccio: “Non potrei interrompere l’esperienza – disse – è proibito, ma per voi … Gli farò una puntura. Non soffrirà”.
Io presi la mano del medico fra le mie mani e dissi, mentre le lacrime mi rigavano il viso: “Giuratemi che non soffrirà”. “Si addormenterà per sempre – disse il medico – vorrei che la mia morte fosse dolce come la sua”.
Io dissi: “Chiuderò gli occhi, non voglio vederlo soffrire. Ma fate presto, fate presto!”.
“Un attimo solo”, disse il medico, e si allontanò senza rumore. Scivolando sul molle tappeto di linoleum. Andò in fondo alla stanza, aprì un armadio. Io rimasi in piedi davanti a Febo, tremavo orribilmente, le lacrime mi solcavano il viso. Febo mi guardava fisso e non il più lieve gemito usciva dalla sua bocca, mi guardava fisso con una meravigliosa dolcezza negli occhi.
Anche gli altri cani, distesi sul dorso nelle loro culle, mi guardavano fisso. Tutti avevano negli occhi una dolcezza meravigliosa, e non il più lieve gemito usciva dalle loro bocche.
A un tratto un grido di spavento mi ruppe il petto: “Perché questo silenzio – gridai – che è questo silenzio?”. Era un silenzio orribile, un silenzio immenso, gelido, morto, un silenzio di neve.
Il medico mi si avvicinò con una siringa in mano: “Prima di operarli – disse – gli tagliamo le corde vocali” ».

7 commenti:

  1. Troppo, veramente troppo, non mi escono parole 😢 mi sento morire, non riesco a pensare che questo "è stato"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie che sei passata, Patrizia.
      Io mi sento angosciato, Patrizia. Soprattutto se penso che tutto questo - e anche peggio - purtroppo è anche oggi. Mi colpisce molto il tuo richiamo alle parole di Primo Levi: quell' "è stato", di cui non deve svanire memoria. Non deve svanire, anzi deve crescere, la consapevoelzza dell'orrore che infliggiamo agli altri animali.

      Elimina
  2. Ciao, hai ragione forse oggi succede anche di peggio, basta leggersi le "schede tecniche" dei farmaci chemioterapici :( ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i bugiardini sono un capolavoro di non detto vivisettorio... per non parlare delle bibliografie dei ricercatori; o dei cataloghi delle ditte che vendono strumenti di ricerca :(

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sono due mesi che ho la pagina aperta, non avevo il coraggio di leggerla. C'è anche il passo di Malaparte, nel libro La Pelle, che mi fece piangere lacrime amare. E' tutto così crudele e se penso che esiste ancora mi chiedo dove è l'evoluzione dell'essere umano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ancora ciao Maria Grazia. benvenuta sul blog, mi fa grande piacere che tu ti sia iscritta. Il pezzo di Malaparte ebbi l'occasione di leggerlo addirittura quando facevo le medie (in una antologia che persino riportava immagini di sfruttamento, crudeltà e vivisezione, mi piacerebbe non averla smarrita, sarebbe un pezzo di testimonanza d'epoca). Mi è rimasto impresso in modo indelebile, anche a me fa venire brividi e angoscia man mano che la lettura procede, fino all'orrore finale. Ogni volta che leggo, io mi sento dentro quel cane. A volte, guarda, penso che l'umano mai potrà riuscire a vivere in modo equo accanto agli altri animali, perché sempre vogliamo impossessarci delle loro vite, persino quando diciamo che vogliamo rispettarli, amarli e proteggerli.

      Elimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA! (EDIT 2018: HO CAMBIATO IDEA: ALMENO UN NOME IN FONDO AL COMMENTO E' GRADITO, PER NON DOVER RISPONDERE CON UN EHI, TU!). PER ANONIMO, SI INTENDE CHI NON E' ISCRITTO - PER QUALSIASI MOTIVO - AI FOLLOWER. Ma visto che è possibile il commento anche non iscritti, considero una forma di gentilezza scrivere almeno un proprio nome :) )

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...