venerdì 3 ottobre 2014

Detachment - Gli occhi degli smarriti

La locandina del film

Devo la visione di questo film al lavoro di recensione di Caden Cotard sul suo blog "Il Buio in Sala". 
Ultimamente, infatti,  sto guardando molti dei film di cui ho trovato sul suo blog le recensioni, forse perche sono come dei film sul film - per lo stile in cui sono scritte, per i punti di vista e le prospettive che propongono e percorrono -  cosa che  mi sta  sottilmente e subliminalmente stimolando a molte visioni di film altrimenti poco conosciuti o notati.


La notevole frase di Camus che apre il film: "E non mi sono mai sentito così profondamente distaccato da me stesso e così presente nel mondo nello stesso momento"



Questo film in particolare mi ha colpito, pur nelle sue oscillazioni e discontinuità dello sviluppo narativo.   L'ho veduto di recente. In parte, son d'accordo con le storciture di naso del recensore e di alcuni commentatori (il film a volte sembra davvero troppo 'a tesi', troppo didascalico, toccando solo superficialmente a volte alcune questioni scottanti). Ma - Brody a parte, che affascina molto come attore anche a me - non se ne può non riconoscere una certa potenza 'larger than life', volutamente sopra le righe, stilizzata, come per esempio negli occhi della prostituta bambina, il suo primo sguardo quando lui inizia a prendersi cura di lei.



La prostituta si chiama Erica


Lo sguardo della prostituta bambina è il medesimo che si può riscontrare/incontrare in qualsiasi Animale esposto alla violenza, quando invece incappa in gesti di soccorso e salvezza, che non si aspetta, dei quali perfino sospetta, perché non sa interpretare. Mentre guardavo questa scena, ho capito la bontà del personaggio del maestro (lui che ammette di non essersi mai voluto mettere in gioco sul serio e fino in fondo nella vita: un ulteriore schermo di difesa?): questa bontà scarna e diretta, muta ma fattiva, che è il suo modo sconvolgente - per chi ne prova esperienza diretta, oltre che per lui stesso e al di là della sua stessa previsione o desiderio - di elaborare un trauma gigantesco preciptitatogli negli occhi e nel cuore quando era bambino: avrebbe potuto prendere la strada della crudeltà, e cadere vittima, per così dire, del lato oscuro, ma non lo ha fatto. Siamo alle prese con una bontà senza logica e senza scopo se non se stessa, e che nella nostra società costruita sulla sopraffazione sistematica, risulta destabilizzante, sconvolgente, irritante, superba e insopportabile. (Però vorrei tanto essere come lui!). In un commento, Caden Cotard aggiunge: "Ed è così, quella ragazza è abituata ad altro e gesti come quelli non li sa interpretare, non ha le armi. E non è colpa sua. Ma quando poi riesce a interpretarli per lei diventano così importanti e vitali che non ne può fare a meno.". Sono gli sguardi - gli occhi che noi guardiamo mentre guardano esprimendo tutte le urgenze - che ci raccontano l'evolversi di questa storia e il dipanarsi delle altre storie.

Poi c'è l'altra ragazza, la fotografa cicciona e ipersensibile, che ha una infatuazione-transfert per questo professore che ha fatto di una frase di Camus il motto della sua condotta di vita - uno stato mentale ed emotivo, quasi una 'apenia' epicurea che gli consente di compiere azioni come il suo particolarissimo 'lasciar andare' il nonno, sulla soglia della morte e alla ricerca del perdono per qualcosa che ha segnato per sempre la sua vita, nonché la vita della figlia - che è la madre del nostro insegnante.

La fotografa si chiama Meredith

La fotografa cicciona, scatta compulsivamente fotografie, ogni giorno, di nascosto dai suoi stessi soggetti (è l'alter ego della visione del regista?), come se volesse costruire con quelle foto la strada per esprimere i suoi desideri, le sue emozioni, le sue parole, o per esorcizzare il fortissimo senso di inadeguatezza autolesionista che la affligge. 
 
Poi - come in un reboot XXI secolo del professore dell'Attimo Fuggente - in classe si racconta di Orwell, di Poe...
Orwell ci aiuta a parlare dei concetti come quello del bi-pensiero, cioè l'avere due pensieri opposti contemporaneamente e credere che entrambi siano veri. Quando il supplente, partendo dal pericolo di questo tipo di pensiero, esorta e motiva i suoi alunni a non smettere di leggere per mantenere viva la propria immaginazione, per nutrirla con immagini che arrivano dalla propria sensibilità, diverse da quelle che ci vengono somministrate senza sosta, per impedirci di pensare, di provare emozioni, di sviluppare il coraggio della empatia. Una situazione generalizzata che dovrebbe essere famigliare a molti, moltissimi antispecisti/animalisti/vegani. 
Gli occhi dei ragazzi, di fronte a questa sfida, si illuminano, brillano: hanno trovato una guida, hanno trovato idee chiare, un aiuto vero per districarsi dal labirinto dell'adolescenza e per sortir fuori dall'assedio feroce e immenso di una società che ha ridotto tutti a individui isolati, competitivi, arrabbiati sempre e sempre terrorizzati. Che commettono crudeltà verso chi è più debole di loro: come il ragazzino che cattura un gatto per ucciderlo a martellate dopo averlo chiuso in un sacco, di fronte agli sguardi spenti dei suoi compagni. Questa uccisione non gli procura piacere, né senso di forza o sicurezza; non suscita ammirazione. Lo fa perché si sente in trappola come il gatto. E nella nostra società, che punisce l'empatia, non riesce a conoscere le soluzioni diverse dalla violenza insensata; che poi sarebbero le soluzioni che portano alla vita e che richiedono il maggiore e più autentico coraggio.
Poe arriva alla fine, dopo l'abbraccio soleggiato finale, che riporta il nostro supplente al calore della vita e degli affetti, che possono essere una conseguenza del proprio 'ben agire'.
La casa degli Usher, dice il supplente, non è solo un edificio decrepito, ma è uno stato d'animo che tutti noi proviamo. Una bella immagine, una metafora che mi ha colpito, perché conosco il racconto e perché amo Poe.
La nostra sensibilità è come una casa che lasciamo andare in rovina. Nel testo del racconto, riportato nel film, tra l'altro, si legge come il protagonista attraversasse, "solitario, in sella a un cavallo, un tratto di campagna particolarmente desolato", prima di arrivare di fronte alla magione degli Usher. Ecco, qui propongo una lettura antispecista, un suggerimento: il protagonista,  attraversa questi luoghi senza viverli, e considera il 'suo' cavallo come un qualsiasi inerte e anonimo mezzo di locomozione; ecco perché si sente 'solitario', cioè solo, isolato, esposto, in pericolo. Avrebbe fatto differenza, io credo, attraversare quei luoghi vivendoli insieme a 'quel' cavallo, quel individuo cavallino, camminando fianco a fianco con lui, senza sella, e seguendone le orme, come un compagno di cammino.

9 commenti:

  1. Giovanni, intanto le tue parole sono quasi commoventi, ti assicuro che non le merito.

    Ti dico senza piaggeria che la tua recensione è meravigliosa.
    E tu conosci gli uomini e l'umanità.
    E, visto il tuo impegno e la tua attenzione su temi per cui lotti, non solo l'umanità.
    La tua considerazione finale ad esempio sul passo di Poe è incredibile

    Dovresti scrivere più di film.
    Senza girarci troppo intorno e non essere ipocriti (conosco bene il mondo dei blog) questa rece la leggeranno in pochissimi.

    Scusa se te lo dico ma è la verità.

    E quello che mi fa rabbia è che probabilmente è la migliore che ho letto su Detachment.

    Un abbraccio.

    E ti metto in blogroll ovviamente, scusa se non me ne ero accorto prima.

    e grazie ancora

    RispondiElimina
  2. Primo tentativo di risposta, ché su questo computer di fortuna non sempre riesco a agire sul mio blog. Per ora, ti ringrazio tantissimo e cercherò di seguire il tuo consiglio, anche perché il cinema, i film, piacciono molto anche a me. un abbraccio e alla prossima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che non vedi mai la cosa come un obbligo.
      Scrivi se e quando ti va :)

      Elimina
    2. Certo! scrivere forzatamente nel proprio blog - che dovrebbe essere l'espressione più schietta del proprio sentire le cose, mi sembrerebbe un assurdo controsenso: inoltre, screvere per foza, mi ha sempre fatto screivere skifezze.
      ho appena letto il tuo post sui post lazzaro, mi ha molto divertito e lo trasporto sednza fatica come paragone della mia situazione. ma senza angoscia! :-)

      Elimina
  3. per risponderti meglio: ti ringrazio per l'apprezzamento sulla rece. scritta in modo fluviale, così come le idee si presentavano, anche se questa volta c'erano degli appunti, grazie ai dvd e alla possibilità di fare stop e rewind. la 'rilettura' di poe mi è saltata agli occhi rileggendo il testo dell'incipit del racconto, dove appare questo cavallo che in realtà è come se non apparisse, se non come mezzo con una funzione.
    gli sguardi: mi hanno emozionato e li ho sempre ritrovati in tanti animali che ho avuto la fortuna di incontrare e/o di aiutare. perciò, quanto condividiamo con gli altri animali, in termini di esposizione ai cosiddett 'urti della vita'?
    proverò a scrivere di più di film (o di fumetti o di libri), sono cose che mi piacciono e con cui passo il tempo; ma vorrei riuscire a farlo anche dandogli una luce dal punto di vista degli animali. se poi non sempre sarà possibile, ma se il film mi piacerà comunque, come divettimento o come spiuntio di riflesisoni solamenteuman e, andrà bene lo stesso!
    per esempio, adesso vorrei scrivere una rece sul film LUCY di Luc Besson, che mi è piaciuta tantissimo! (Lucy, e Scarlett)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sugli appunti io non riesco a far senza, ma li prendo live, senza mai stoppare nulla.
      E senza nemmeno guardare il blocco :)

      SUgli sguardi animali non c'è niente da dire, non hanno la parola (nostra), negli occhi gli leggi tutto.

      Certo, il tuo blog di questo parla e unire l'utile e il dilettevole sarebbe il massimo.
      In Detachment poi entrambi i riferimenti non erano per niente forzati ma uno, lo sguardo, molto calzante e il secondo, il cavallo, sorprendente.

      Non ho visto Lucy, stavo per andare al cinema con mio fratello ma poi ho dato forfait :)

      Elimina
  4. secondo me,troverai Lucy almeno mooolto interessante. io mi sono addirittura entusiasmato!
    Bravissimo a prendere appunti live! proverò a farlo! in fondo, si tratta di fissare le prime impressioni, per ricordarselel e poi lavorarci su. proverò!

    Gli animali: non è proprio esatto che 'gli manca solo la parola', forse è più preciso dire che 'hanno una parola diversa'! :) (potrebbe essere lo spuno per un qualche scritto futuro) :-)

    Grazie ancora per i pareri sui riferimentui a Detachment. Posso dire che se non sono forzati, è perché gli animali, almeno a parere mio, hanno molto più a che fare con noi, la nostra vita autentica, il nostro essere-prsenti-nel-mondo, persino il nostro immaginario, molto di più do quanto la maggior parte di noi sia disposta ad ammettere con serenità? Perciò, io mi stupisco piuttosto quando i riferimenti agli altri animali NON siano ritrovati, piuttosto che no! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ho scritto che non hanno la NOSTRA parola eh :)

      Elimina
  5. oh già. per un punto martin perse la cappa, e per due parentesi giovannin perse il filo del discorso. comunque, la svista è stata l'occasione per me di poter rifocalizzare un qualcosa che mi sta sempre molto a cuore , perciò ti ringrazio! :)

    RispondiElimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui