giovedì 10 aprile 2014

M'ama - mi mangia: campagna OIPA con Luca Spennacchio

Fonte: OIPA


Proseguo con un altro modo di declinare il bisogno di nuove consapevolezze, in relazione agli agnelli, soggetti principali da difendere, ogni anno, a Pasqua. Non solo: nuove consapevolezze in merito al rapporto umano di generalizzata oppressione nei confronti degli altri animali. Sono tanti i modi per provare a salvare un agnello.
 La campagna OIPA è articolata e dettagliata, e si avvale delle belle foto di Luca Spennacchio, occhio speciale e instancabile per guardare agli altrianimali. 

Linea 3 Gialla, Dergano M3 Milano, 2014 - foto di Oriana Zago

Metropolitana stazione Termini, Roma

 

La Campagna di Pasqua dell’OIPA è a Milano con 100 affissioni nelle fermate delle linee della Metro; è  a Roma con 187 affissioni in tutte le fermate delle due linee della metropolitana.  Far riflettere sull’amore riservato agli animali d’affezione e al tragico destino riservato invece agli animali considerati solo per scopo alimentare, si può attuare finalmente chiamando i passanti a mettere in gioco le proprie capacità cognitive, a specchiarsi in una contraddizione così enorme da essere diventata invisibile, indiscussa. 
Ecco in queste foto, l'esposizione del dato di fatto, con un sottotesto di pensiero che potrebbe partire da Melanie Joy e che rende il messaggio netto e chiaro, semplice da leggere - semplice anche da accettare? è una sfida, infatti, posta senza infingimenti, all'ottundimento della sensibilità che ormai non viene nemmeno più percepita da chi la (soprav)vive. Per raccogliere la sfida e accogliere le nuove vite che finalmente ci appariranno - quelle degli agnelli - occorre coraggio: quel tipo di coraggio che è capace di rifiutare ciò che viene considerato da tutti normale e che invece è violenza e orrore. 
Coraggio consapevole: del fatto che decidere di non far uccidere più agnellini strappati alle loro disperate mamme, è solo il primo passo, che nasce in cucina, magari, ma che deve uscire anche da casa e diventare nuova abitudine di vita, di modo che essere vegani non sia solo una moda salutistica o passeggera, ma una nuova capacità di stare accanto a, e insieme con, gli altri animali - basando questa convivenza-rapporto-relazione-coabitazione - su azioni senza violenza - al limite, delle non-azioni quasi zen.

Ogni anno in Italia sono circa 4 milioni gli agnelli uccisi, cuccioli di circa due mesi di vita, separati forzatamente dalle loro madri, maltrattati, marchiati e trasportati verso una fine crudele e violenta. Circa 800.000 muoiono esclusivamente nel periodo di Pasqua. (fonte OIPA)

Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui