mercoledì 15 febbraio 2017

NOmattatoio: il 27mo presidio romano - Sabato 25 febbraio dalle ore 10:00 alle ore 13:00

foto di JoAnne McArthur

Ventisette mesi di fila, uno dopo l'altro: ventisette sassolini lanciati nello stagno della indifferenza, ventisette gocce che foreranno la roccia della insensibilità.
Ventisette presidi delle donne e degli uomini di NOmattatoio, che coi loro corpi rendono evidenti i corpi dei migliaia al giorno di dimenticati: viventi che si chiamano mucca, agnello, maiale, gallina. Mandati al macello per venire smembrati e diventare irriconoscibili come viventi appassionati e sensuali, negati e sofferenti negli ingranaggi della zootecnia.

"Il sistema di dominio in cui siamo immersi e la conseguente cultura carnista che ne deriva agiscono sinergicamente per occultare, mistificare, edulcorare, negare il terrificante sfruttamento degli animali.
NOmattatoio torna in strada per raccontare questa ingiustizia e dare visibilità a tutti quegli individui che vanno a morire dopo una brevissima vita trascorsa nella deprivazione pressoché totale di ogni esigenza etologica.
Unitevi a noi per prendere posizione. Non si può restare neutrali, bisogna agire e attivarsi.
"

Il sito e la pagina FB di NOmattatoio la trovate nella banda laterale qui sul blog. Per quanto è nelle tue possibilità, hai deciso che tornerai a partecipare, almeno virtualmente, scrivendo ogni mese qualcosa sui presidi, prima e dopo. Fino a che non andrai a Roma, o finché non riprenderanno i presidi torinesi o piemontesi (per esempio).

4 commenti:

  1. Grazie di cuore Giovanni.
    C'è bisogno della partecipazione di tutti, virtuale o concreta che sia, ognuno secondo le proprie possibilità, come può e come se la sente.

    RispondiElimina
  2. Davvero bella e profonda la frase di Tolstoj inserita nel blog di NO MATTATOIO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una frase molto famosa e può far pensare molto.

      Elimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui