sabato 28 marzo 2015

Agnellini


Quarto Presidio contro il mattatoio a Roma  - Nomattatoiocon gli occhi sgranati di chi non sa ma capisce che qualcosa non va, di chi perde ogni punto di riferimento, di chi si ritrova solo a combattere per la propria vita senza aver gli strumenti per farlo. (diario di un investigatore di animalequality )




Siamo già a Pasqua. Un anno passa veloce. Anche per gli agnellini, che vivono anche meno di un anno. Per esempio, gli agnellini che nell'ottobre 2013 incontrai in Valsesia, oggi non ci sono più. Rimangono vivi solo nel mio ricordo.
Che è un ricordo che fa rivivere piccoli bambini pelosi e bianchissimi, curiosi e desiderosi di giocare, ma anche timidi e indecisi tra tornarer dalla mamma e dai fratellini, o provare ad annusarmi e guardarmi ancora per qualche secondo.




"Se non potete eliminare l'ingiustizia, almeno raccontatela a tutti", è la frase di Ali Shariati, sociologo e studioso delle religioni iraniano, un coraggioso uomo  di pensiero.

Ma che cosa è l'ingiustizia? O meglio, per non rischiare di rimanere troppo astratti, che cosa è una azione ingiusta? 

Per rimanere nei confini di questa precisa situazione, io credo che azione ingiusta sia quella di privare dei bambini (che per quasi tutti non hanno 'la forma' di bambini, che sarebbero esclusivamente quelli umani) della loro mamma, della sicurezza, della gioia e infine della stessa vita - una vita breve, a cui tutto viene tolto, in cambio di prigionia, costrizione, paura.

Un bambino sa molto e bene, lo sa subito, appena gli capita di vedere le immagini di quello che accade a questi altri bambini non umani, che queste azioni sono ingiuste: perché provocano pianto e procurano paura e dolore in chi ne è vittima.
Ma a un bambino, queste cose non vengono fatte vedere mai, e sono pochi i bambini 'fortunati' (sì, fortunati: perché hanno l'occasione precoce di sollevare almeno per qualche istante un lembo della cortina di nascondimento sul destino degli agnelli - ma anche di tutti gli altri animali) a cui questa occasione può capitare. Con conseguenze, magari difficili da prevedere, nella direzione favorevole agli altri animali.



2 commenti:

  1. Ben tornato. Gli agnellini trepidavano... "con gli occhi sgranati di chi non sa ma capisce ".

    RispondiElimina
  2. ... e intanto, proseguo a scriverne...

    RispondiElimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui