martedì 6 settembre 2016

"Povero, caro genio squinternato"


Così lo ricorda "il Mostro", per salvarlo dai villici infuriati contro lo "scienziato pazzo", dopo che ha ricevuto una seconda vita, a sua volta, da quello scienziato.
Epitaffio più bello, forse, non avrebbe voluto - ho pensato, mentre rivedevo per la infinitesima volta QUEL film: l'ho pensato all'istante, mentre vedevo la scena, sul finire del dvd.  E, come tutte le volte precedenti, mi intenerivo, preda di una piccola commozione, grattugiata di gioia.
Ecco perché con questo post, piccolo piccolo, breve breve, semplice semplice, riprendo in mano il blog dal lato della tastiera - finalmente! dopo più di un anno di Ipad e di disimparare a scrivere e organizzare i pensieri.
Gene Wilder appariva, probabilmente lo era davvero, squinternato. Ma anche caro (ricordate la moglie, Gilda Radner, alla quale è stato vicino durante la malattia del cancro?). E anche un pizzico geniale. Un genio gentile, mi piace pensare, ma volitivo, anche. Altrimenti, "Frankenstein Junior", non sarebbe stato così, è facile supporre. 
Così come? Per esempio, con uno scienziato in tre tempi: il primo, freddo e arrogante chirurgo; il secondo, appassionato e folle sperimentatore; il terzo, appunto, squinternato e coraggioso, che "ha usato il suo corpo come fosse una cavia" , per salvare il Mostro.
Tutto, sempre, col gusto del teatro e dello spettacolo. Sempre, con una soffusa gentilezza.

2 commenti:

  1. Giovanni se potessi abbracciarti ti stringerei forte..
    Hai fatto un ritratto di Wilder che sarebbe piaciuto a lui stesso, dolce, veritiero, commovente, appassionato.
    Si era proprio così, peccato che lo sappiamo in pochi..
    Grazie amico mio..
    Bentornato, ti stringo forte!

    RispondiElimina
  2. Cara Nella, ti abbraccerei anche io, forte. Mi rende felice che tu abbia colto la passione mia per Gene Wilder. Sarebbe bello se lo conoscessero in molti.
    Grazie a te, amica mia...
    Ben ritrovata, un abbraccio forte!

    RispondiElimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui