domenica 21 aprile 2019

Resistenza Animale, incontro a Vercelli



Ma la gente lo sa che gli animali resistono? Conosce da che condizioni scappano e perché? Lo sa che in Italia esistono dei luoghi speciali e nuovi, dove gli animali sca(m)pati trovano duraturo asilo - che si chiamano santuarli e dei quali esiste una rete - ?
Ieri a Vercelli c'era il banchetto antispecista di Parte in Causa, per scoprirlo.

giovedì 18 aprile 2019

Incontro Antispecista - Resistenza Animale. A Vercelli



sabato, 20 aprile 2019 - tutto il giorno
in Piazza Cavour, Vercelli



Con Silvia Mole, come Parte in Causa, ritorna a Vercelli il banchetto che distribuisce parole, infomazioni, provocazioni, dialoghi, per far conoscere alla gente che esistono 'cose' come 'Resistenza Animale', 'Liberazione degli Animali'... 

sabato 13 aprile 2019

Questa tovaglia di neve fresca

La tavola da cucina, 1888-1890 circa - olio su tela
Paul Cézanne dipinse un gran numero di 'nature morte', cioè quei quadri dove 'posano'  - in composizioni apparentemente casuali - oggetti di vario tipo: dai frutti agli animali, dalle stoviglie agli attrezzi; e con diversi significati: il tempo che scorre - le cosiddette 'vanità'- la quotidianità casalinga, l'effetto illusionistico di lussi e agi.
Un genere pittorico, comunque, quasi 'fuori tempo massimo'.

giovedì 4 aprile 2019

venerdì 29 marzo 2019

Lutto, riconoscere i segni

Stella, nei ricordi



C'è un sito, che si chiama Hospice per gli animali. Su questo sito, hai trovato l'articolo che in parte riporti qui.
L'articolo, è stato scritto da Denise Flaim è stato pubblicato la prima volta da “DogFancy”, agosto 2008, volume 39, nr. 8, pag. 21. Per il sito, lo ha tradotto Elena Grassi, che si occupa dell'Hospice.
Dopo aver chiesto il nulla osta a Elena, hai deciso di pubblicarlo qui. Questo - o comunque articoli simili - fanno parte di quel processo di conoscenza che in questi anni, tra la scomparsa tormentata e solitaria di Stella e quella - speri - più composta e accompagnata di Lisa, hai provato a cominciare a costruire - intanto per te stesso, un domani, chissà 

domenica 24 marzo 2019

Sentimento cocente



Pochi giorni fa, era la giornata mondiale della poesia. Inoltre, è arrivata la primavera. Eventi ovvi e naturali? Eventi artificiali e di circostanza?

sabato 16 marzo 2019

La vita a un certo punto finisce



In queste due settimane dalla dipartita di Lisa, non riesci a fare a meno di continuare a pensare alle questioni legate alla fine vita.
Una tua amica, Elena Vanin, ha trovato sul web un post, che ha così introdotto:

"Quanto lo trovo vero, nel suo cinismo e nella sua dolcezza.
La vita a un certo punto finisce.
Un conto è se rischia di finire troppo presto, per qualche malattia curabile, per qualcosa che altera la curva naturale della vita, allora ha senso cercare la cura, il rimedio, ma tante volte questa società sembra avere rifiutato la naturalità della morte in vecchiaia, e la cura è solo un accanimento, doloroso, faticoso, stremante e in definitiva inutile (o forse dannoso).
Abbiamo bisogno, credo, di recuperare il senso, dove il senso non è quanti giorni in più riesci a resistere, anche se sfinito, ma quanto riesci a godere del tempo che hai, con amore
".


lunedì 4 marzo 2019

Il dolore(NON) negato e il dolore raccontato


Iniziamo da qui, dal racconto dell'ultimo giorno in Terra delle spoglie di Lisa.
Devi per obbligo fare una premessa: in passato, con Stella e con Oscar, già ti capitò di essere presente all'atto della cremazione - tutto quel che ti rimaneva, dopo che non eri riuscito a essere presente al loro momento finale.
Perciò, in questo terzo caso, hai avuto modo di apprezzare quegli atti che fanno la differenza tra una procedura e una cerimonia.

sabato 2 marzo 2019

Una storia che ricomincerà

Lisa nel 2011, dopo un mese di crisi epilettiche a grappolo


Proteggevi Lisa dall'estate del 2011, da quando ebbe un mese di crisi epiettiche a grappolo: quell'evento difficile la portò a un passo dall'eutanasia, ma invece ha reso fortissimo il nostro legame.

venerdì 1 marzo 2019

Ti bacio un milione di volte, su un milione di scale



Una poesia diventa intramontabile quando il poeta, con i suoi versi - scritti all'inizio per lui medesimo - raggiunge ciascun lettore, che fa vivere la poesia appena letta coi ricordi delle sue esperienze passate.

Eugenio Montale, ha scritto questa Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale, che - tramite una tua amica- oggi ha raggiunto te, orfano di Lisa.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...